Coloro che nel primo fine settimana di ottobre erano stati allontanati da Sant’Antonio a causa del maltempo che aveva colpito Corteno Golgi e isolato la frazione, nelle scorse ore hanno potuto raggiungere le proprie abitazioni. Solo per qualche istante, però: giusto il tempo di controllare che tutto fosse a posto, prendere qualche oggetto indispensabile e soprattutto per portare a valle le auto rimaste parcheggiate lassù durante questi 20 giorni. Sul posto c’era la Protezione civile, per fornire le indicazioni per scendere in tutta sicurezza e far rientrare le persone in paese, nelle sistemazioni temporanee concesse loro dai parenti o dall’Amminsitrazione.

Intanto il Comune di Corteno, che ha dato una notevole accelerata ai lavori per la strada per le Valli di Sant’Antonio, ha comunicato che l’opera sarà completatat entro il 28 ottobre. L’intervento è costato circa 100mila euro, reperiti dai fondi del pronto intervento della Regione.

Si tratta di una sorta di bypass per garantire un accesso alle frazioni che sfrutta i tratti non danneggiati dal maltempo e crea dei passaggi sterrati laddove la strada è franata, da percorrere con prudenza e con i mezzi adatti. Per evitare disagi è stato posizionato un semaforo per il senso unico alternato. Approntata anche una barriera contenitiva all’altezza della frana caduta il 3 ottobre proprio sulla strada per le Valli di Sant’Antonio.

Sulla scrivania del sindaco Ilario Sabbadini c’è però un maxi progetto che dovrebbe garantire in forma definitiva e sicura l’accesso alle Valli, del costo di almeno 8milioni di euro, che richiederà tempo e soprattutto l’accesso a contributi consistenti.

Nel frattempo il bypass è accessibile solo in caso di reale necessità ed urgenza da parte dei residenti e proprietari di baite, personale comunale o addetti ai lavori.

Share This