Costa Volpino, lunedì, è stata protagonista di due interventi da parte dei Vigili del Fuoco, al lavoro su un incendio tetto ed un rogo su un terreno. Il primo è avvenuto intorno alle ore 11:30, quando in via Redondo il proprietario di un’abitazione ha lanciato l’allarme per l’incendio del tetto.

Al loro arrivo, i Vigili del Fuoco volontari di Costa Volpino Lovere hanno trovato l’uomo impegnato a cercare di spegnere le fiamme da solo, ma l’incendio era ormai divampato, tanto da richiedere il supporto dei colleghi di Clusone e Darfo con un’autoscala: le operazioni di spegnimento del rogo, causato dal surriscaldamento della canna fumaria, si sono concluse nel pomeriggio.

Nella stessa giornata, in località Santa Martina, è stato lanciato un altro allarme, per alcune colonne di fumo: al loro arrivo, i pompieri si sono messi al lavoro per spegnere un incendio che ha distrutto circa 500 metri quadrati di un terreno coperto di rovi e sterpaglie.

In questo caso, a provocare le fiamme potrebbe essere stato un mozzicone di sigaretta o un fuoco di pulizia sfuggito al controllo, anche a causa del forte vento che ha soffiato per tutto il giorno non solo in Vallecamonica, ma anche sul Sebino.

Sempre sul fronte incendi, va anche segnalato che a Berzo Demo continuano a presentarsi focolai nella zona in cui quasi una settimana fa è divampato il rogo che ha distrutto un centinaio di ettari di bosco: sul posto è tornato l’elicottero per aiutare le operazioni di spegnimento e bonifica seguite dall’Arnica, insieme alla Protezione Civile di Sellero ed alla Comunità Montana.

Share This