Va registrato un ulteriore calo di pazienti affetti da Covid-19 attualmente ricoverati all’ospedale di Esine, che però continua ad essere prioritariamente dedicato alla loro cura. Alla giornata di venerdì, sono 44 le persone ricoverate, di cui tre in Rianimazione e Terapia Intensiva; 15 quelle ad Edolo, a fronte di 94 posti letto disponibili sui due presidi.

Dall’inizio dell’emergenza, fa sapere l’Asst di Vallecamonica, gli accessi ai Pronto Soccorso di Esine ed Edolo di pazienti con sintomi correlati al virus sono stati 1.350, di cui circa 700 hanno necessitato un ricovero. Il 25% dei pazienti ricoverati arriva dalla Provincia di Bergamo e dal Basso Sebino.

Alla luce di questa situazione, si è deciso di prorogare fino al 31 maggio la riorganizzazione del Pronto Soccorso di Edolo: dalle ore 08:00 alle 20:00 sarà quindi garantito un Punto di Primo Intervento, alla presenza di personale medico di Medicina e Chirurgia d’accettazione ed urgenza. Dalle ore 20:00 alle 08:00, invece, le attività saranno concentrate presso il Pronto Soccorso di Esine, dove chi ne avrà bisogno si dovrà recare o vi sarà trasportato dai mezzi di soccorso extra ospedalieri. Da lunedì, infine, sarà riattivata l’attività di soccorso di emergenza ed urgenza tramite automedica con personale infermieristico e medico presso l’ospedale di Esine.

Share This