Si abbassa ulteriormente la curva del contagio nel bresciano, Vallecamonica compresa. La giornata del 22 aprile ha registrato infatti 156 casi, di cui soltanto 15 nuovi positivi tra i camuni. Purtroppo la Valle deve aggiungere altri due decessi, per un totale di 24 da inizio mese. Buono il numero di guariti: 54 in più nelle ultime 24ore.

Si discute intanto, anche nel bresciano, sui diversi nodi che riguardano il decreto sulle riaperture, in primis sul rientro in presenza delle scuole superiori. E’ di ieri l’annuncio che Regione Lombardia mette a disposizione due volte al mese tamponi antigenici gratuiti per gli studenti di età compresa tra i 14 e i 19 anni. Tramite il portale https://prenotasalute.regione.lombardia.it/prenotaonline/ o l’app Salutile Prenotazioni, si potrà infatti prenotare un tampone antigenico rapido presso una delle farmacie convenzionate.

Una possibilità che non si limita alla platea dei 55mila studenti bresciani delle superiori, ma che riguarda anche tutto il personale scolastico, sempre delle superiori. L’adesione all’iniziativa è su base del tutto volontaria. In caso di esito positivo del test, andrà eseguito per conferma il tampone molecolare.

Intanto, in vista del 26 aprile, si sta cercando di pianificare la possibilità di un rientro in classe al 70%, anche nel bresciano, ma, essendo rimasta invariata la capienza del trasporto pubblico (al 50%) i dirigenti scolastici, che ieri si sono collegati per un meeting online con il provveditore, pensano a due ingressi scaglionati, alle 8:00 e alle 10:00, cosa che non è comunque fattibile in tutti gli istituti.

Share This