Non siamo in possesso dei numeri aggiornati relativi alla Vallecamonica, poichè Ats della Montagna di domenica non dirama comunicati, ma il dato complessivo del bresciano si può dire preoccupante.

Quella di Brescia è stata ieri la provincia italiana con il maggior numero di nuovi casi registrati: +27 secondo il report della Regione, ben 40 secondo la Protezione civile (che tuttavia recupera quelli non conteggiati l’altro ieri quando risultavano solo due nuovi casi).
In tutta la Lombardia sono stati riscontrati complessivamente 97 nuovi contagiati in più,oltre la metà del numero a livello nazionale dove sono stati contati 174 nuovi casi.

I Comuni Covid-free della Vallecamonica restano 10, salgono a 3 sul Sebino: a Monte Isola e Zone si aggiunge Sulzano, senza nuovi casi da sabato.

COMUNI COVID-FREE IN VALLECAMONICA E SUL LAGO D’ISEO (SENZA CASI DA ALMENO 28 GIORNI)

Braone-36 giorni

Ceto-50 giorni

Cevo-49 giorni

Cimbergo-41 giorni

Losine-62 giorni

Monte Isola-82 giorni

Niardo-43 giorni

Ossimo-45 giorni

Paspardo-47 giorni

Saviore dell’Adamello-50 giorni

Sulzano-29 giorni

Vione-48 giorni

Zone-57 giorni

E ieri a Bergamo si è svolta la sentita commemorazione delle seimila vittime bergamasche del Coronavirus. Presenti, oltre al capo dello Stato Sergio Mattarella, e altre autorità tra cui i governatore della Regione Attilio Fontana, i 243 sindaci della provincia e alcuni familiari dei defunti. L’orchestra e il coro del Donizetti Opera Festival hanno eseguito la Messa da Requiem del compositore bergamasco Donizetti.

Mattarella ha pronunciato un discorso in cui ha affermato, tra l’altro: “Bergamo ferita che ha sofferto e pianto, rappresenta il cuore della Repubblica”. Con un monito a “riflettere, con rigorosa precisione, su ciò che non ha funzionato, sugli errori da evitare di ripetere”.

Share This