Di fronte al nuovo bollettino regionale che segna un ulteriore aumento dei casi positivi in Lombardia – 185 il 22 agosto su  13mila tamponi – l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera ha voluto dare una spiegazione ai numeri: “L’aumento  è determinato dalle analisi effettuate a seguito del rientro dai Paesi esteri a rischio, mentre un altro 20% sul totale è riferito a contatti stretti di persone rientrate dall’estero nei giorni precedenti la campagna di screening avviata il 13 agosto scorso”.

Si tratta, nella stragrande maggioranza dei casi, di persone asintomatiche, ha aggiunto Gallera, sottolineando che gli screening hanno permesso di individuare positività, che altrimenti non sarebbero state identificate, e contestualmente, attraverso l’isolamento, di fermare l’ulteriore trasmissione del virus.

Dal Pirellone si fa notare inoltre che non sono stati registrati nuovi decessi per Covid e che sono in aumento i dimessi e i guariti. Quanto al Bresciano, sono 23 i nuovi casi, in linea con quelli degli ultimi due giorni. Nessuno di questi riguarda la Vallecamonica.

Ma la situazione continua a preoccupare, anche al di fuori della Lombardia. La regione più colpita al momento è il Lazio, si suppone per i rientri dalle vacanze, e in tutta Italia si è tornati a superare i mille positivi in un giorno: 1.071 nuovi casi e 3 morti nelle ultime 24 ore.

Share This