L’Italia prova a resistere alla quarta ondata che ormai ha travolto tutta l’Europa, e lo fa con il Super Green Pass, noto anche come Green Pass rafforzato, in vigore dalla mezzanotte di quest’oggi fino al 15 gennaio. L’obbiettivo è, in un periodo come quello natalizio in cui gli spostamenti e le occasioni di socialità aumentano, garantire a chi si è vaccinato quella libertà di movimento che altrimenti non potrebbe essere consentita per ragioni di sicurezza.

Ecco che, quindi si è reso necessario creare due tipi di Green Pass: quello rafforzato è automaticamente in dotazione a chi si è vaccinato con prima, seconda o terza dose o è guarito dal Covid-19. Chi ha completato il ciclo vaccinale ha un Super Green Pass della durata di nove mesi, chi invece ce l’ha perché guarito dall’infezione ne ha uno della durata da di sei mesi.

Chi non è vaccinato, invece, può ottenere un Green Pass base, tramite un tampone negativo rapido (per una durata di quarantotto ore) o un tampone negativo molecolare (in questo caso la durata è di 72 ore). Con il Super Green Pass si può, fin dalla zona bianca, entrare in bar e ristoranti, accedere a cinema e teatri, andare in palestra, agli eventi sportivi ed alle cerimonie pubbliche, attività garantite anche nelle zone colorate, cosa che invece non avviene con il Green Pass Base. Si cerca così di dare una nuova spinta alla campagna vaccinale: domenica nel Bresciano i nuovi casi sono stati 377, 2.628 in Lombardia.

Share This