Ammontano a 2,5 milioni le risorse destinate a Regione Lombardia per i gruppi di volontari di Protezione civile di tutte le province del territorio. A Brescia si contano 40 dipartimenti a cui saranno assegnati complessivamente 540mila euro. La notizia arriva dal Dipartimento nazionale di Protezione civile, che ha approvato il piano di ripristino della capacità di risposta alle emergenze, attraverso l’avvio degli interventi volti al reintegro delle attrezzature e dei mezzi impiegati dai gruppi volontari nell’ambito dell’emergenza legata al Covid-19.

Tra i gruppi della Vallecamonica troviamo quello di Camunia Soccorso, a cui vanno 2.100 euro, Ono San Pietro, a cui vanno 32mila euro, quello di Sellero, che riceve 2.400 euro, il Gruppo Le Torri di Malonno, con 400 euro, il gruppo di Malegno, con 2.700 euro, Esine, con 3mila euro, Cimbergo, mille euro, Cevo, 2.600 euro, e Piancamuno, con 13mila euro.

Ma il finanziamento più importante, il più alto di tutta la provincia, è stato destinato a L’Arnica di Berzo Demo: ben 122mila euro. Come spiegano dall’associazione guidata da Manolo Bosio, si tratta di un contributo significativo, che riconosce lo sforzo fatto in due anni di pandemia, e che vuole continuare con il suo servizio sul territorio. Tra l’altro, da un anno a questa parte L’Arnica gestisce la postazione di 118 h24 e 7 giorni su 7, ha nuove leve che hanno seguito i corsi e sono entrate a far parte dei soccorritori e ha una seconda sede, sempre a Berzo Demo.

Share This