Più di 20mila litri di alcol etilico, sequestrati due anni fa, ora sono destinati agli ospedali della Lombardia. L’iniziativa si è resa possibile grazie alla Guardia di Finanza di Brescia e Caserta, coordinate rispettivamente dalle Procure della Repubblica di Brescia e Napoli Nord.

L’ingente quantità di alcol puro al 95% giovedì mattina è stato consegnato alla Protezione Civile di Brescia. Il prodotto fu sequestrato due anni fa nei confronti di un deposito fiscale bresciano indagato per l’ipotesi di associazione per delinquere dedita al contrabbando di prodotti alcolici su scala internazionale: considerata la richiesta di alcol che in questi mesi viene avanzata dai nosocomi, si è deciso di procedere alla donazione.

Tramite le Procure il carico è stato così dissequestrato e ceduto gratuitamente; dunque il Prefetto di Brescia ne ha disposto la requisizione, destinandolo alla Protezione Civile Bresciana. L’autorizzazione dell’Ufficio Dogane di Brescia ha infine rilasciato le autorizzazioni per il trasferimento ed impiego dell’alcol.

Quest’ultimo, ora, sarà diluito per diventare disinfettante o igienizzante, per un totale di circa 25mila litri da destinare agli ospedali pubblici no profit della Lombardia che ne hanno fatto richiesta. Tra questi, anche l’ospedale di Esine, che così riceverà una scorta di alcol che gli garantirà autosufficienza.

Share This