Darfo Boario Terme ha festeggiato i suoi primi 50 anni da città.

L’amministrazione ha promosso una serie di eventi nel weekend. Ieri mattina il corteo per le vie dalla città: partenza dal piazzale del municipio e sfilata fino al parco delle Terme di Boario con l’annullo filatelico e gli interventi delle autorità. Qui è stato presentato il volume “Darfo Boario Terme Città – Cinquantesimo 1968 – 2018” a cura di Bice Galbiati Grillo, che ha voluto ripercorrere le tappe più significative dell’iter che, nel secolo scorso, ha portato al traguardo di “città”. La ricerca è stata redatta con la collaborazione di Monica Camorani e Laura Fiorini.

Presenti il sindaco Ezio Mondini e la Giunta comunale al completo, il presidente della Provincia, Pier Luigi Mottinelli, il presidente della Comunità Montana Valle Camonica, Oliviero Valzelli, il consigliere regionale Francesco Ghiroldi, gli onorevoli Marina Berlingheri e Beppe Donina, quindi i presidenti delle associazioni, tra questi Mario Sala, presidente dell’Ana Valle Camonica.Dafo Boario città 1

Di grande interesse la mostra fotografica celebrativa degli eventi del 1968 con documenti e illustrazioni del riconoscimento curata da Casa di Zaccaria in collaborazione con gli istituti comprensivi Darfo 1 e Darfo 2, i cui studenti hanno esposto dei lavori sul tema. La mostra sarà aperta fino al 3 novembre nella sede municipale di piazza Lorenzini.

Gli studenti dell’istituto Olivelli-Putelli con i suoi pasticceri hanno invece preparato la “Torta del cinquantesimo”, mentre i ragazzi del Conservatorio, guidati dai loro docenti, si sono esibiti sabato in un concerto per il doppio compleanno del 40esimo dell’istituzione della sede darfense Conservatorio “Luca Marenzio” e del 50° di città per Darfo Boario Terme. La festa per il 40esimo del Conservatorio proseguirà stasera con il concerto di inaugurazione dell’organo Tamburini, presso l’Auditorium del Conservatorio alle 21. All’organo il Maestro Maurizio Salerno.

I festeggiamenti per i 50 anni di Darfo città si sono chiusi nel pomeriggio di domenica con la Messa celebrata dal vescovo di Brescia, monsignor Pierantonio Tremolada, che ha rimarcato l’importanza dei legami in una comunità nella chiesa di Boario. Una funzione concelebrata dai 9 sacerdoti della costituenda Unità pastorale darfense.

Share This