Il Comune di Darfo Boario Terme in cerca degli arretrati della tassa sui rifiuti: sono ben 185mila euro, infatti, i soldi che l’Amministrazione deve recuperare dal periodo che va dal 2013 al 2017.

 

Una necessità che si è tramutata, nei giorni scorsi, in numerosi avvisi di pagamento inviati a residenti e commercianti del paese. La scoperta degli arretrati non pagati è stata possibile dal momento in cui il Comune ha preso in carico la gestione della fatturazione e dell’invio dei pagamenti, che fino a tre anni fa spettava a Vallecamonica servizi: dopo un lavoro di incrocio dei dati catastali, gli impiegati del Comune hanno rilevato alcune differenze tra le superfici dichiarate degli immobili e quelle catastali.

Il risultato è stato che l’Ufficio Tributi ha scovato 590 utenti i cui pagamenti non corrispondevano a quanto avrebbero dovuto versare. Da qui, l’invio degli avvisi di pagamento, che variano dai 150 ai 200 euro, con tanto, ovviamente, di corsa agli sportelli per chiedere spiegazioni.

L’importo da pagare, però, spiega al Giornale di Brescia Osvaldo Benedetti, assessore al Bilancio, non ha subìto maggiorazioni o interessi, ed in alcuni casi c’è stata anche una riduzione rispetto a quanto era stato dichiarato. L’assessore, per venire incontro agli abitanti che si sono ritrovati con quest’amara sorpresa, ha anche detto che sarà possibile rateizzare l’importo.

Share This