Prosegue l’attività di controllo e monitoraggio del fenomeno di spaccio e consumo di sostanze stupefacenti tra i giovanissimi da parte dei carabinieri della stazione di Darfo.

Nei giorni scorsi i militari dell’Arma hanno identificato e denunciato una ragazza di 17 anni, di nazionalità indiana, residente in provincia di Bergamo, accusata di essere uno dei fornitori di marijuana e hashish in una scuola superiore di Darfo.

I carabinieri, dopo averla colta in flagranza di reato, hanno informato i genitori e, davanti alla loro incredulità, la ragazza ha ammesso le proprie responsabilità.

La giovane è stata segnalata al Tribunale dei Minori che ha deciso l’affidamento in una comunità di recupero.

L’indagine, cominciata circa quattro mesi fa, aveva portato i carabinieri a fermare e interrogare numerosi ragazzi sorpresi a fumare spinelli all’esterno della scuola, oppure lungo il tragitto fino alla fermata dei bus: dopo gli interrogatori i militari sono riusciti a ricostruire la catena dello spaccio, che li ha portati alla 17enne.

Share This