Dibattito acceso a Esine sulla falla nei conti del Comune.

In particolare il botta e risposta degli ultimi giorni verte sulle responsabilità dell’ammanco – quasi 700mila euro, che l’Amministrazione ha deliberato di coprire in tre anni – tra l’ex assessore Alessandro Federici, che nega siano tutti attribuibili al passato, e il sindaco Emanuele Moraschini.

Secondo il primo cittadino già nel 2015 la Corte dei Conti ha richiamato la passata Amministrazione per un uso smodato delle anticipazioni di cassa e dei residui attivi, con osservazioni che risalgono ai bilanci precedenti.

Nel bilancio vennero inserite entrate mai incassate, come i 250mila euro dei sovraccanoni della centrale del Resio, per i quali il Comune è in contenzioso con Edison e i 50mila l’anno di canone concessorio, mai ricevuti.

Anche nel 2018 l’organismo di controllo ha emesso una delibera di richiamo.

L’Amministrazione Moraschini si è impegnata a riportare i conti in ordine apportando numerosi tagli. Da ottobre ad oggi, inoltre, sono stati recuperati 125mila euro di tasse non versate, che hanno dato un piccolo respiro alle casse comunali.

Share This