Il Comitato regionale lombardo della Lega nazionale dilettanti ha diramato nelle scorse ore un dettagliato vademecum per indicare come dovranno svolgersi le partite dilettantistiche e giovanili, che ricominceranno domenica 13 settembre con le Coppe.

Le attività possono ripartire ma vanno rispettate determinate regole per contrastare il Covid. Tutti i punti hanno come comune denominatore il distanziamento, da mantenere prima e dopo la partita, utilizzando gli spazi appositi con entrata e uscita dall’impianto in momenti separati e con percorsi dedicati, evitando così la formazione di assembramenti negli spogliatoi e non solo. Inoltre: niente foto di squadra, cerimonie e strette di mano, con schieramento congiunto mantenendo il distanziamento di un metro. La mascherina è obbligatoria per gli occupanti delle panchine.

Durante le partite le figure fondamentali saranno il Dap – delegato all’attivazione del protocollo – e il Dge (delegato alla gestione dell’evento), che nel giorno degli incontri dovranno far rispettare il protocollo anche nei minimi dettagli

Domenica alle 15:30 saranno cinque le formazioni camune impegnate tra Coppa Italia di Eccellenza e Promozione e Coppa Lombardia di Prima e Seconda categoria. In Eccellenza, il Darfo giocherà contro il Rovato al Comunale. In Promozione al Cerreto il San Giovanni Bosco Bienno troverà il Real Dor.

Contemporaneamente per la Coppa Lombardia la Prima categoria annovera il Piancamuno, che sarà ospite dello Sporting Club Brescia.

Per la Seconda categoria ci sono due squadre camune e una del Sebino bresciano: Nuova CamuniaOrsa Iseo e Paratico-Eden Esine le sfide del 13 settembre.

Share This