Due arresti in due giorni. E’ l’insolito record raggiunto da Battista Crotti, l’81enne di Provaglio d’Iseo finito lunedì scorso ai domiciliari all’interno dell’operazione “Lucignolo” che ha scoperto una rete di traffico di droga che interessava la Vallecamonica.

Martedì mattina i carabinieri hanno nuovamente bussato alla sua porta, questa volta per portarlo in carcere, a seguito di un’altra indagine, sempre per spaccio di droga e che vede ai domiciliari Blenim Kertusha, albanese residente ad Assisi ed il connazionale Ervin Spaneshi di Travagliato. A casa di quest’ultimo gli inquirenti hanno trovato 146mila euro in contanti, sette cellulari ed una pistola 38 special rubata a don Pierino Sacella, parroco di Maranello appassionato di caccia.

Crotti finisce così agli arresti per la seconda volta, dopo essere stato raggiunto con la moglie 74enne Giuseppina Leali da un ordine di custodia cautelare a seguito dell’inchiesta condotta dalla Procura di Brescia che ha visto la coppia al vertice di un’organizzazione che riforniva di droga alcuni spacciatori della Valle.

L’indagine era partita dopo la morte di due uomini, un 47enne di Braone ed un 52enne di Ono San Pietro, per cui era stato fermato Manuele Lucciolo, spacciatore 45enne di Ceto e gestore di un bar a Braone. Il lavoro degli inquirenti aveva portato, sempre nel blitz di lunedì mattina, ad emettere ordinanze di custodia cautelare anche per Mauro Comensoli, Elisa Cotti, Roberta Donina Rubagotti, Astrid Duro, Alessandro Franzoni, Giada Franzoni, Nicola Gheza, Fabrizio Otelli, Dritan Rehxa e Tommaso Cossetti. In cella anche Roberto Do, Angelo Olmi (ritenuto intermediario tra fornitore ed acquirente), Federica Salvetti, i fratelli Fabio e Giuseppe Vangelisti e Massimo Vanazzi.

Quest’ultimo, in particolare, aveva messo a disposizione la propria carrozzeria per realizzare doppi fondi dentro cui nascondere la droga. In tutto, 27 le persone indagate, tra cui anche Luca Chiarolini, Francesca Ducoli ed Oscar Mai, a cui è stato imposto l’obbligo di dimora nel Comune di residenza.

Share This