Dopo la chiusura di una campagna elettorale svoltasi per la prima volta in piena estate (e non particolarmente significativa per quanto riguarda dibattiti e colpi di scena) ed un giorno di silenzio elettorale, questa domenica si va a votare.

Saranno oltre 50 milioni ed 800mila gli italiani chiamati alle urne dalle ore 07:00 alle 23:00, di cui oltre 936mila in provincia di Brescia. 1.171 le sezioni elettorali allestite sul territorio bresciano: quando ci si reca a votare bisogna portare con sé la carta d’identità e la tessera elettorale. In caso di smarrimento di quest’ultima o di esaurimento degli spazi per i timbri ci si può recare per tutta la durata delle votazioni negli uffici comunale per chiederne una nuova.

Tra le novità di queste elezioni, il debutto del cosiddetto Parlamento ridotto, diventato tale dopo l’approvazione delle legge sul taglio dei parlamentari; l’estensione di alcuni collegi anche su più province e la possibilità anche per i giovani dai 18 ai 24 anni di votare per il Senato (la scheda rosa) e non solo per la Camera (scheda gialla).

In queste ore è stata anche fatta chiarezza su coloro che sono a casa in quarantena per il Covid-19: il Ministero dell’Interno aveva dato la possibilità di registrarsi per il voto da casa ai positivi dal 15 al 20 settembre.

Ma la Prefettura di Brescia ha chiarito che è possibile presentare la richiesta per votare da casa anche domenica mattina, raccogliendo così le richieste di chi è risultato positivi negli ultimi giorni. Una situazione che, nel Bresciano, riguarda 2.364 persone.

Share This