E’ proseguito anche nel fine settimana il trend di riduzione di posti letto dedicati a pazienti affetti da Covid-19 negli ospedali della Vallecamonica. In particolare, fa sapere l’Asst, al nosocomio di Esine (che continua ad essere prioritariamente dedicato ai casi di Coronavirus) sono attualmente ricoverate 73 persone, ad Edolo 17.

Sono 298, invece, i casi totali di assistenza di malati al domicilio, di cui 243 già guariti e 55 in carico. Ad evidenziare il calo dell’emergenza anche gli accessi al Pronto Soccorso (dove sono stati allestiti percorsi separati): dei 33 avvenuti domenica, gran parte erano legati a patologie non Covid-19.

Alla luce di tutto questo, l’ospedale di Esine ora può garantire 17 posti letto per esigenze chirurgiche e 20 per esigenze internistiche. Le opere di sanificazione e disinfenzione degli spazi prima destinati agli affetti da Coronavirus dovrebbero permettere, inoltre, di riservare il piano terra alla cura di patologie non-Covid.

Infine, Esine si prepara a far partire, da maggio, i test sierologici per la ricerca di anticorpi, all’interno dello studio epidemiologico proposto dalla Regione: l’Asst ha avviato una campagna informativa presso gli operatori aziendali volta alla raccolta di disponibilità su base volontaria, con esclusione dei soggetti sintomatici. Per garantire il massimo della sicurezza, le organizzazioni sindacali riceveranno un’idonea informativa, che possa coinvolgerle il più possibile.

Share This