C’è anche la Vallecamonica tra i beneficiari del progetto “DAD – Differenti Approcci Didattici”, che ha come ente capofila la Fondazione della Comunità Bresciana Onlus. Sarà così possibile acquistare nuovi device per le scuole e avviare attività di assistenza e accompagnamento formativo grazie alle cooperative del territorio.

L’ampia iniziativa di Fondazione Cariplo e dell’impresa sociale “Con i Bambini” ha messo sul piatto 6 milioni di euro per aumentare le competenze digitali degli studenti più fragili di Bergamo, Brescia e Lodi, le province-simbolo dove la pandemia ha colpito di più.

Dei 6 milioni di euro assegnati ai tre progetti, 2 milioni e mezzo sono stati destinati alla Fondazione della Comunità Bresciana, che ha presentato il progetto “DAD”, che punta a contrastare il digital divide e la disuguaglianza di opportunità educative all’interno di sei Ambiti territoriali della provincia di Brescia, coinvolgendo scuole, amministrazioni locali, aziende speciali consortili, organizzazioni di Terzo Settore e imprese a sostegno di insegnanti, famiglie e ragazzi in condizioni di fragilità della scuola secondaria di primo e secondo grado. La Comunità Montana di Vallecamonica è capofila del polo territoriale camuno che coordina tutti i partner di progetto.

Le azioni previste spaziano dal potenziamento delle infrastrutture digitali all’interno degli istituti scolastici e alla fornitura di device e connessione, a percorsi di formazione rivolti a studenti, docenti, genitori ed educatori, alla creazione di hub territoriali dove sperimentare laboratori e attività didattiche innovative, alla promozione di una “cultura del digitale” e alla realizzazione di rubriche periodiche a tema sui media locali.

Centrale sarà inoltre l’accompagnamento dei numerosi partner presenti sul territorio da parte della cabina di regia progettuale, che andrà a rafforzare reti di partenariato già consolidate nel mettere a terra progetti educativi o ad implementare reti nuove, concentrandosi soprattutto nelle aree più deprivate e dunque maggiormente colpite dalle conseguenze della pandemia.

Share This