Il lago d’Iseo è malato.

 

La diagnosi arriva dalla Goletta verde di Legambiente che, nei giorni scorsi, ha effettuato sul Sebino delle analisi per individuare la presenza di microplastiche in acqua e quindi la quantità di microinquinamento. Sette le zone analizzate, tre sulla sponda bresciana e quattro su quella bergamasca.

A preoccupare, però, è soprattutto la prima: tutti e tre i punti del Bresciano analizzato superano i limiti di legge, confermando una situazione già avvenuta in passato. Inquinato il campione prelevato dal torrente Calchere a Sulzano, così come quelli prelevati presso Darsena di Pisogne ed a Peschiera di Monte Isola.

I punti di prelievo, a differenza dell’Ats che sceglie quelli di balneazione, vengono segnalati a Legambiente dai residenti tramite il servizio ‘Sos Goletta’. Legambiente ha deciso di presentare degli esposti per segnalare la situazione. Per quanto riguarda le microplastiche, i risultati delle analisi effettuate a Lovere, Marone, Predore, e tra Sale Marasino e Peschiera Maraglio saranno comunicati più avanti.

[Foto da pagina Facebook della Goletta dei Laghi]

Share This