Il referendum comunale consultivo richiesto da un gruppo di cittadini sulle grandi opere programmate dalla giunta di Breno è stato giudicato ammissibile.

Ora basterà raccogliere 500 firme per andare al voto su: ascensore per il castello, localizzazione della piscina, autosilo sotterraneo di piazza Mercato e nascita di un distretto commerciale.

I quesiti sottoposti da un comitato spontaneo sono stati esaminati da una commissione ad hoc, composta dal vicesindaco di Breno Alessandro Panteghini, dal capigruppo di maggioranza Lino Giacomelli, da Giampiero Pezzucchi (per la minoranza di Brenesi per Breno) e Luca Salvetti (per la minoranza della Lega), dal responsabile del servizio elettorale Sergio Vielmi e dal segretario comunale Germano Pezzoni.

Tale commissione ha votato l’ammissibilità della consultazione.

Share This