Sebbene sia iniziata in ritardo rispetto agli anni passati, la stagione estiva è stata molto impegnativa, per gli uomini della Guardia Costiera Ausiliaria del Sebino. Dal 9 maggio al 27 settembre sono stati 757 gli interventi effettuati, per 940 ore di servizio e 224 ore di navigazione: un impegno non da poco, che ha visto protagonisti 25 volontari ed i due mezzi a loro disposizione.

Il tutto, per la sicurezza dei bagnanti e dei diportisti che, anche quest’anno, hanno affollato il lago e le sue coste. Gli interventi maggiori hanno riguardato il mancato rispetto delle regole, come la velocità eccessiva dei motoscafi o nuotatori che si addentravano in zone senza segnalazioni. Fondamentale resta la collaborazione con i privati cittadini, che spesso segnalano ai volontari situazioni come la presenza di reti killer nel lago o di kajak e mezzi a remi in difficoltà.

Per questo, la Guardia Costiera Ausiliaria del Sebino ha dedicato quasi 200 interventi alla formazione, anche per ricordare alcune regole spesso dimenticate, come indossare il giubbotto salvagente o i pericoli nel trainare gonfiabili con le imbarcazioni o navigare in zone interdette.

Share This