I ghiacciai dell’Adamello sono stati dedicati al Milite Ignoto. La cerimonia, organizzata dall’associazione Impronta Camuna, si è svolta in mattinata al Passo del Tonale, davanti al Sacrario Militare. A cento anni dalla traslazione del Milite Ignoto da Aquilea all’Altare della Patria a Roma, sono stati così omaggiati e ricordati simbolicamente tutti quei soldati che durante la Guerra Bianca, su quelle nevi, hanno sofferto e combattuto.

Autorità, sindaci, amministratori locali, forze dell’ordine, carabinieri, Guardia di Finanza, polizia locale, quindi le associazioni in arma e combattentistiche, alpini e Protezione Civile si sono trovati per la cerimonia davanti al Sacrario del Tonale, dove sono custoditi i resti dei militari morti durante la Prima Guerra Mondiale.

Roberto Bontempi, presidente dell’Associazione dei camuni residenti a Brescia e dintorni – contestualmente alla dedicazione dei ghiacciai dell’Adamello – ha consegnato tre targhe con la scritta Adamello Vetta Sacra alla Patria al Comune di Ponte di Legno, al Comune di Saviore dell’Adamello e alla Comunità Montana.

Il riconoscimento speciale di “Impronta Camuna 2021” è andato al programma televisivo di Rai Uno “Linea Bianca”, che ha contribuito a valorizzare le montagne, la gastronomia, la cultura e le attività sportive della Valle Camonica, ed è stato ritirato da uno dei conduttori, Lino Zani, camuno di Temù.

Share This