Da qualche tempo esiste un nuovo sito internet in cui vengono raccolti, catalogati e descritti i Musei del Sistema di Vallecamonica, che è nato e cresciuto nell’ambito del Distretto Culturale di Vallecamonica.

Dalle tracce della Guerra bianca agli arnesi delle prime fucine, dalle macine alle opere d’arte, fino agli oggetti della tradizione contadina e reperti storici. Ce ne sono di diversi, per tutti i gusti. Ecco perché il Sistema Musei aveva bisogno di un luogo in cui venissero presentati con chiarezza. Il lavoro di realizzazione del sito è stato curato da Voilà Cooperativa.

Il Sistema di Vallecamonica comprende attualmente più di venti realtà diverse tra loro, che testimoniano il valore e il patrimonio della cultura locale ricca di tradizioni insite nel territorio e nella gente che ci vive.

Quattro le categorie in cui vengono suddivisi sul sito: Musei artistici e delle tradizioni come il Camus di Breno e il Nostalgia Club, il Museo della bicicletta di Berzo Inferiore e il Museo della Guerra Bianca di Temù; i tantissimi Musei etnografici, come quelli di Bienno, Lozio, Malegno, Vione o Cerveno; i Musei scientifici e del lavoro come quello della stampa, quello dell’energia Idroelettrica o del Golgi; fino ai Musei storici e naturalistici, che vanno dal museo della fotografia a quello della Resistenza, dal museo della Casa del Parco alla Casa del Beato.

Basta andare su https://www.museidivallecamonica.it/it per approfondire quanto custodito in ognuna di queste strutture, la loro storia, ma anche informazioni pratiche come gli orari d’apertura o l’indirizzo. La Valle, tramite i suoi musei, consente a tutti di apprezzare e conoscere gioielli e segreti di una cultura che non finisce mai di stupire.

Share This