Sarà un’edizione particolare, quella di quest’anno del Pellegrinaggio in Adamello.

 

Il 2018 è infatti l’anno delle celebrazioni del centenario dalla fine della Prima Guerra Mondiale, ed il ritrovo annuale degli alpini non dimenticherà quest’importante ricorrenza. Dal 26 al 29 luglio, quindi, i luoghi simbolo del Pellegrinaggio saranno due: da una parte il Passo della Lobbia Alta, dov’è situato l’Altare del Papa, e dall’altra il Sacrario del Tonale.

Significativa anche la dedica dell’edizione, che ricorderà la figura del soldato ignoto in Adamello. Come da tradizione, l’organizzazione tra trentini e camuni si alterna, e quest’anno vede i primi alla guida. Il programma è ormai definivo: il 26 luglio partiranno le prime colonne, seguite il giorno successivo da altre. Il 28 luglio le celebrazioni in quota, con la Messa delle ore 11:00 celebrata all’altare del Papa.

Domenica la conclusione, con la tradizionale sfilata che chiuderà la festa che coinvolge non solo gli alpini, ma tutta la popolazione. Tre delle nove colonne sono camune: una è dedicata a Francesco Tonolini, la seconda ad Angelo Tognali, la terza a Leonida Magnolini, e partiranno rispettivamente il 26, il 27 ed il 28 luglio. Tra gli eventi corollari, il 28 luglio, alle 21:00 si terrà l’intervento ‘Luca Comerio. Da fotografo del re a reporter dell’Adamello’, nella sala polifunzionale del Tonale con il coro Presanella.

Share This