Il 2020 si è chiuso in positivo il Cammino di Carlo Magno e la Via Valeriana. I due itinerari camuni hanno registrato un incremento del 43% di viandanti. Secondo Andrea Grava e Antonio Votino, ideatori e manutentori dei due cammini, “Il 2020 è stato un anno particolare per il turismo che ha portato un crollo di visite verso le mete tradizionali. Dopo un lungo periodo di restrizioni e impossibilità di muoversi dalle proprie abitazioni, le persone si sono rivolte verso esperienze di movimento a contatto con la natura. I cammini hanno avuto un ruolo fondamentale dopo il lungo periodo di chiusura, ovvero da maggio in poi.”

In particolare il Cammino di Carlo Magno ha registrato un incremento di utenti del 19%, quello della Via Valeriana del 209% rispetto al 2019. In tutto sono stati 1.116 i viandanti registrati nel 2020. Ne emerge anche un ritorno economico per le comunità attraversate, costituite prevalentemente da piccoli borghi. Calcolando una media di 5 pernottamenti per completare il Cammino di Carlo Magno e di 8 per la Via Valeriana, le ricadute sul territorio nel 2020 ammonterebbero a circa 500mila euro, con un +45% rispetto all’anno precedente.

“Per mantenere viva l’attenzione sul Cammino di Carlo Magno e sulla Via Valeriana anche al di fuori dei confini camuni Grava e Votino stanno svolgendo una costante attività di promozione sfruttando i mezzi tecnologici: “Tramite i social e le presentazioni online abbiamo raggiunto nuovi futuri camminatori. Tra queste presentazioni citiamo quella all’interno della rassegna del Festival IT.A.CA sul turismo responsabile, dove erano presenti tutti i maggiori cammini a livello nazionale. Inoltre, a febbraio 2020, siamo stati ospiti su Rai 3 alla trasmissione Geo per presentare il Cammino della Via Valeriana. I due itinerari sono anche stati oggetto di attenzione di vari articoli su riviste di settore tra cui il National Geographic e il Touring Club Italiano.”

Il 2021 si preannuncia denso di novità: sarà l’anno dell’uscita della guida cartacea del Cammino di Carlo Magno e della Via Valeriana, mentre i due amici continueranno a lavorare sulle future collaborazioni con altri territori per un possibile allungamento dei percorsi.

Share This