Si è chiuso tra gli applausi del pubblico di Breno la prima parte del tour del Carrozzone degli artisti.

 

La compagnia teatrale guidata dall’attore Alberto Ghisoni era in viaggio dal 31 maggio scorso con lo spettacolo ‘Esprimi un desiderio’, realizzato con l’Anffas, che ha fortemente voluto questa iniziativa coinvolgendo le numerose cooperative sociali presenti tra la Provincia di Brescia e di Cremona.

IlCarrozzoneDegliArtisti

Il progetto di teatro integrato (o ‘comunitario’, come ha preferito definirlo ai nostri microfoni Stefania Dall’Aglio, presidente dell’Anfass camuna, che ha collaborato con i Comuni di Pisogne, Darfo, Edolo e Breno e con le cooperative Il Cardo, Azzurra ed Arcobaleno), ha raggiunto l’importante obiettivo di coinvolgere circa 80 persone, davanti e dietro le quinte, in un progetto volto a valorizzare l’integrazione delle persone fragili in un contesto teatrale che ha portato in 62 Comuni un laboratorio per bambini ed uno spettacolo teatrale.

IlCarrozzoneDegliArtisti3

A Breno, per l’ultima tappa, piazza Sant’Antonio era gremita di persone, tutte pronte ad accogliere il carrozzone ed i suoi esilaranti tentativi di riportare le stelle nel cielo. Semplice, ma fortissimo, il messaggio che la compagnia (e con essa l’intero progetto) ha voluto comunicare: in una società in cui siamo bombardati da brutte notizie ed in cui il pessimo sembra avere sempre la meglio, solo facendo comunità e lavorando insieme si può costruire in futuro davvero libero da confini, che permetta a chiunque di poter realizzare i propri desideri ed illuminare il mondo.

IlCarrozzoneDegliArtisti2

Lo spettacolo ha fatto ridere, cantare, emozionare, ma a balzare all’occhio è stata la capacità del gruppo di attori (alcuni di essi fissi, altri a rotazione a seconda delle cooperative con cui il Carrozzone ha collaborato nelle varie tappe) di coinvolgere il pubblico, riuscendo fin dai primi minuti a renderlo esso stesso partecipe.

Da semplice serata di intrattenimento, ‘Esprimi un desiderio’ è diventato un momento di aggregazione, in cui tutti si sono sentiti parte di un racconto. Sembra essere l’interazione tra cooperative, arte e coinvolgimento del pubblico la strada più adatta per favorire un processo di integrazione tra le persone: basti pensare alle varie iniziative messe in moto in Vallecamonica proprio per questo scopo, come Fuori Contexto ad Edolo, ancora in corso e con protagonisti i ragazzi della cooperativa Il Cardo. Un modo per interagire con una realtà che è ben diversa da come potrebbe apparire. che sia teatro integrato, concerti o performance artistiche, ci ricorda che un mondo alla portata di tutti è possibile: basta desiderarlo.

Share This