Il “grazie” di Niardo ai numerosissimi volontari che hanno aiutato la comunità dopo l’alluvione ha raggiunto i 3500 metri della cima dell’Adamello.

A distanza di ormai un mese dalla calamità che ha colpito Niardo e Braone, per rendere tributo a coloro che hanno aiutato nei giorni dell’emergenza e che tuttora si stanno prodigando per la pulizia e la ricostruzione delle zone più colpite, è stato portato in quota un simbolico ricordo.

Si tratta di un pezzo di un tronco che la furia dell’acqua ha levigato e portato fino a fondovalle in quella notte di pioggia e paura. Sul legno è stata apposta una targhetta che ricorda la data dell’alluvione di Niardo – 28/07/2022 – e vi è stata incisa la frase “Grazie a tutti i volontari”.

A portare sulla cima il ceppo e a collocarlo con una corda sul granito dove si trova anche la croce ci ha pensato questo fine settimana Sandro Simoncini, che vive a Niardo da tempo. Con lui sono saliti suo figlio Andrea e l’amico Paolo, in rappresentanza di tutta la comunità.

Share This