L’ambulanza di Camunia Soccorso era stata fermata dai carabinieri l’anno scorso, poiché al volante c’era un autista 20enne non ritenuto abilitato. Il giovane e l’istruttore al suo fianco erano stati multati, insieme all’associazione stessa. I militari avevano imposto anche il fermo del mezzo per 60 giorni.

Ma il ragazzo stava semplicemente riportando in sede l’ambulanza che in quel momento era fuori servizio. Perciò il presidente Raffaello Colombo aveva sin da subito dichiarato di volere far ricorso e chiedere l’annullamento delle sanzioni a suo carico, spiegando che mai avrebbe messo alla guida una persona inesperta in una situazione di emergenza.

Ora il giudice di pace di Brescia ha ritenuto non colpevole di guida non autorizzata il ragazzo, che nel frattempo è stato assunto da Camunia Soccorso e fa l’autista soccorritore. Assolto anche il suo istruttore, non luogo a procedere verso Camunia Soccorso.

Share This