Il Museo della Guerra Bianca di Temù inaugurato la targa all’altare di Conca Presena a ricordo dei caduti del 9 giugno 1915. Si tratta di un tributo collocato in prossimità della grossa pietra utilizzata come altare da campo durante la messa che un sacerdote austriaco celebrò qualche settimana dopo l’attacco al Battaglione Morbegno per conquistare il Passo Paradiso, dove persero la vita 52 Alpini (tra cui 4 ufficiali) e altri 87 soldati rimasero feriti. Furono fatti prigionieri 2 ufficiali e 18 Alpini.

Alla presenza di alcuni alpini appartenenti ai gruppi dell’Alta Valle Camonica, assieme a una squadra di alpini attualmente in servizio a Vipiteno, il Museo ha organizzato su quei luoghi di sangue e combattimenti una toccante cerimonia, svoltasi il 7 agosto scorso: alla relazione storica di Walter Belotti, nel corso della quale ha letto i nomi dei 21 caduti identificati e testimonianze dal fronte, hanno fatto seguito la celebrazione della messa da parte del cappellano dell’Ana camuna don Antonio Leoncelli e l’esecuzione di alcuni canti del repertorio alpino.

Il giorno successivo a Ponte di Legno è stato presentato i libro “I Cimiteri della Guerra Bianca sul fronte dell’Adamello” voluto e realizzato dal Museo. Presente l’Assessore alla Cultura della Regione Lombardia Stefano Bruno Galli, che ha introdotto l’incontro.

Il Museo di Temù è visitabile tutti i giorni nel mese di agosto: apertura dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 19:00.

Share This