E’ un importantissimo passo avanti per il turismo di tutto l’Altopiano del Sole, quello presentato in questi giorni dal Comune di Borno. Un progetto nato in piena pandemia, durante mesi estremamente difficili per il comparto turistico e per gli impianti di risalita, ma che proprio per questo vuole essere un segnale di speranza per un futuro di ripresa.

Il Comune, infatti, presenterà nelle prossime settimane in Regione Lombardia un progetto che prevede un investimento da circa 14 milioni di euro, che punta ad essere finanziato per il 75% dagli enti sovracomunali. L’obiettivo è rivoluzionare non solo la parte sci, ma mettere anche l’accento soprattutto sullo sviluppo turistico primaverile-estivo.

Nello specifico, si prevede il posizionamento di una nuova e moderna telecabina che collegherà la località Ogne alla vetta del Monte Altissimo in soli 9 minuti e la realizzazione di un nuovo rifugio in quota, trasformandolo in una moderna e funzionale struttura ricettiva.

Un intervento che potrà beneficiare del cosiddetto “Patto territoriale” legato alla legge 40 di Regione Lombardia, e con il prezioso sostegno della Comunità Montana di Vallecamonica, Borno e i comuni dell’Altopiano del sole.

Nella mente di chi ha allestito il progetto c’è l’idea di voler cambiare il modo di vivere la montagna, sfruttando il suo panorama non solo nei mesi invernali, ma anche in quelli estivi, dando così al turismo locale la spinta necessaria per rialzarsi da questo brutto periodo.

Il Comune, che nel presentare l’idea ha ricevuto il plauso delle minoranze consiliari e dell’Amministrazione Comunale di Ossimo, spera che sia “colta a tutti i livelli la straordinaria opportunità che questo progetto porterebbe nella nostra comunità”.

Share This