Sono iniziati in settimana e proseguiranno fino alla fine di settembre i lavori di rimozione dei teli geotessili dal Ghiacciaio Presena.

Un passaggio che segna l’inizio della nuova stagione e la fine del caldo, lo stesso da cui i ghiacci dell’Adamello devono stare il più protetti possibile per non incorrere in un repentino arretramento del ghiacciaio, tanto temuto quanto tangibile, come hanno dimostrato anche le fotografie dall’alto del Madrone, dove si è creata una voragine causata dal rialzo delle temperature.

Gli operai della Carosello, società impiantistica che fa parte del Consorzio Pontedilegno-Tonale, hanno iniziato la rimozione della grande coperta stesa a giugno e hanno potuto constatare che è stata utile a preservare uno strato di ghiaccio che va dai 3 ai 4 metri di spessore.

Quest’anno i teli, posizionati a giugno, hanno coperto una superficie di 100mila metri quadrati e sono stati posati uno accanto all’altro con un sistema di cuciture che ora permetterà di staccarli e riavvolgerli facilmente, per riutilizzarli la prossima estate.

Share This