Come tutte le storie di Natale, anche quella che ha visto come protagonista Paolo Tresoldi, giovane creativo brenese, si è conclusa con un lieto fine. La storia è quella che ha fatto il giro del web nei giorni scorsi, suscitando non poche reazioni. Una multinazionale farmaceautica dei Paesi Bassi ha pubblicato un proprio video di auguri, in cui si racconta di un nonno che si allena duramente tutto l’anno per poi, a Natale riuscire a sollevare la nipotina e permetterle di mettere il puntale sull’albero.

Un video che ha colpito, emozionato e divertito, tanto da diventare virale, finire anche sui siti della stampa italiana ed essere citato come il “miglior video di Natale dell’anno”. Eppure, Tresoldi aveva girato un video di auguri tre anni fa per conto di Vallecamonica Servizi che aveva la stessa identica idea (qui il video).

Il video della multinazionale tedesca

Il brenese ha giustamente fatto sentire la propria voce, contattando la multinazionale, e sostenuto da numerosi amici e camuni in sua difesa. Pochi giorni fa, la telefonata dell’agenzia Jung Von Matt, che ha realizzato il video: “abbiamo trovato”, dice Tresoldi, “un interlocutore intelligente, onesto e professionale, grazie alla loro collaborazione la situazione si è risolta amichevolmente”.

L’agenzia infatti ha riconosciuto al giovane camuno i diritti d’autore, pur non avendo la certezza che qualcuno del loro team abbia visto il suo video. Questo, però vuol dire che il suo nome comparirà nei crediti della clip olandese, che sta ottenendo milioni di visualizzazioni. “Quella che poteva sembrare una situazione complicata”, conclude, “si è invece rivelata un’altra bella storia di Natale”.

Share This