Mentre la Regione ha dimezzato le postazioni dei due poli vaccinali in Franciacorta portando a 5 quelle di Chiari e a 3 quelle di Iseo – rallentando le operazioni anche per non creare disparità sul territorio lombardo, ora tutto arancione rinforzato – il sistema vaccinale adottato in Vallecamonica viene presentato come un modello sul Giornale di Brescia di lunedì. Il Direttore Generale dell’Asst camuna Maurizio Galavotti parla di un sistema diffuso sul territorio, che sta funzionando a pieno ritmo permettendo di garantire 500 vaccinazioni al giorno grazie alle cinque sedi vaccinali a Esine, Darfo, Pisogne, Capo di Ponte ed Edolo.

Dietro al funzionamento c’è una rete di collaborazione, spiega il Dg: per primi gli infermieri (anche alcuni rientrati volontariamente ma già in pensione) che stanno lavorando incessantemente per somministrare le dosi, e poi le farmacie che collaborano per l’adesione al portale della Regione, i medici di medicina generale che stanno dando un supporto fondamentale collaborando con i colleghi dell’Asst, e anche i sindaci, che hanno aiutato a individuare i centri vaccinali e che a loro volta sono disponibili a spiegare le modalità della vaccinazione.

L’Azienda sociosanitaria il 18 febbraio ha avviato la campagna per gli over 80 raggiungendo un’adesione del 95%.  Sarebbero 300 gli anziani camuni che non hanno risposto all’appello e Asst vuole fare il possibile per intercettarli. A questi si aggiungeranno i mille già immunizzati residenti nelle Rsa. I cinquecento che devono essere vaccinati a domicilio saranno raggiunti dai medici delle Usca, le Unità speciali di continuità territoriale attivati da Ats della Montagna. Si punta a vaccinare l’intera fascia entro il 25 marzo.

Ma non è tutto: Asst ha già coperto con le due dosi i 1.500 dipendenti della sanità camuna e i 2.500 sanitari e sociosanitari che lavorano in realtà private ed entro sabato farà la prima dose a tutte le forze armate del territorio, circa 300 persone. Vaccini a tappeto per i 2.500 tra insegnanti e personale scolastico operativo nell’area di competenza di Asst Valcamonica che hanno aderito: le vaccinazioni da sabato 13 marzo.

Share This