Più di 500 studenti costretti ad abbandonare le aule con i loro professori.

 

È stata una mattinata movimentata quella di ieri al Meneghini di Edolo. Colpa di un corto circuito sprigionatosi in un quadro elettrico attorno alle 10.45, all’interno di un ripostiglio al piano terra di una delle due strutture che compongono la scuola superiore edolese.

Un corto circuito che ha innescato un piccolo incendio che è stato prontamente domato con un estintore da un professore e da un bidello. Il rogo però ha fatto scattare, come previsto dalle procedure di sicurezza, l’evacuazione di tutte le aule, alcune delle quali invase dal fumo.

Tutto è filato liscio anche perché sono state diverse in passato le esercitazioni svolte proprio al fine di abbandonare in fretta gli edifici in caso di emergenza.

Gli oltre 500 studenti e i loro docenti si sono portati ordinatamente all’esterno in attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco del locale distaccamento, seguiti mezz’ora dopo da un’altra squadra arrivata da Darfo Boario Terme.

Nel giro di poco più di un’ora tutto è tornato alla normalità.

Share This