Nel fascicolo aperto dalla Procura relativamente all’incidente di martedì scorso in cui ha perso la vita a Monno il 62enne Giovanantonio Cicci c’è un indagato per omicidio colposo, ovvero l’operatore comunale alla guida dell’escavatore che ha colpito ed ucciso l’uomo.

Un atto dovuto, va detto, per permettere a chi sta indagando di fare chiarezza su quanto accaduto. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo alla guida del mezzo stava sistemando la strada agro-silvo pastorale che dall’ex segheria porta alla località Savena.

Durante una manovra per la riparazione di un gabbione di sostegno alla scarpata rimasto danneggiato dal maltempo, Cicci è stato colpito: l’operatore se ne è accorto solo qualche decina di metri a valle, una volta sceso dal mezzo.

Immediato l’allarme, ma i soccorritori non hanno potuto fare nulla. Sempre secondo le indagini, Cicci stava effettuando lavoro di volontariato, come spesso faceva durante l’inverno, quando non era in Svizzera per lavoro. Cicci lascia la madre Celeste, la moglie Rina e le figlie Anita e Romina. I funerali si terranno sabato alle ore 10:30 nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo.

Share This