Nella serata del 31 dicembre torna come da tradizione all’Eremo dei Santi Pietro e Paolo di Bienno la Veglia di fine anno. A presentarci il programma e soprattutto a spiegarci i significato della celebrazione abbiamo contattato mons. Tino Clementi, direttore dell’Eremo:

“Sono ben felice di poter dare innanzitutto un saluto e un augurio perché si concluda bene quest’anno per iniziare al meglio il nuovo. È tradizione ormai da anni che all’Eremo si faccia questa Veglia. Nei tempi passati ricordo fino a 200 e più partecipanti, e con una metodologia anche piuttosto “garibaldina” si andava in corteo fino al Cristo Re. Purtroppo in questi periodi dove dobbiamo avere tante precauzioni abbiamo dovuto restringere il programma, ma la preghiera vale ancora” esordisce il direttore.

La presentazione di mons. Tino Clementi

“Ci troveremo alle 21:oo all’Eremo e ci sarà una Veglia per aiutarci a rientrare in una preghiera di ringraziamento e di invocazione di aiuto da parte del Signore. Alle 23:00 poi ci sposteremo nella chiesa che prima era delle Clarisse e che oggi è dei frati, per la partecipazione alla messa nella solennità di Maria Madre di Dio ma anche come inizio della giornata della Pace. Presiederà la messa con una parola nell’omelia il padre guardiano, padre Gianpaolo” spiega mons. Clementi.

“Tutti possono venire all’Eremo, e trattandosi di una convocazione non liturgica chiederemo anche il Green pass all’ingresso. Aspetto numerosi quelli che hanno il coraggio di vivere queste ore di silenzio di preghiera, perché ne abbiamo estremo bisogno. Buon anno!”

Share This