Un patteggiamento per un anno di reclusione: è quanto è stato deciso nei giorni scorsi in Tribunale a Vicenza, davanti al giudice ed al pubblico ministero, per il 61enne senegalese residente a Calvisano che nel giugno del 2019 si rese protagonista di un incidente in cui perse la vita Daniele Albertinelli, 36enne di Darfo.

I fatti avvennero sulla autostrada A31 Valdastico, dove era aperto un cantiere –segnalato da pannelli luminosi e da un collega con la bandierina- in cui stava lavorando la vittima. L’imputato, che stava guidando un camion, nonostante le segnalazioni non aveva rallentato ed aveva sbandato verso destra, invadendo la corsia di emergenza e finendo per investire Albertinelli che, sbalzato in avanti di alcuni metri, è morto sul colpo.

Il 61enne doveva rispondere di omicidio stradale: durante il processo non ha saputo giustificare il proprio errore, dal momento che non risultava fosse in stato di ebbrezza né che fosse alla guida da troppe ore. L’uomo ha beneficiato della sospensione condizionale della pena e si è visto sospendere la patente per un anno e mezzo. La famiglia della vittima, che era stata risarcita dalla compagnia assicurativa, non si è costituita parte civile.

Share This