In questi giorni in cui dobbiamo stare a casa l’archivio digitale della memoria della Vallecamonica è disponibile in una nuova versione migliorata, arricchita e più facile da navigare.

Lo rende noto Vallecamonica Cultura, annunciando che sul sito www.maraea.it sono disponibili centinaia di contenuti multimediali: almeno 725, destinati a crescere e ad essere implementati. Si tratta di storie che parlano di vicende, personaggi, episodi importanti della vita sociale, culturale e politica del territorio camuno.

I contenuti sono segnalati in alcune cartelle tematiche – ad esempio le canzoni e la musica popolare, le devozioni mariane, la pastorizia, i pellegrinaggi in Adamello, e molto altro ancora – corredate da link e collegamenti esterni per approfondire gli ambiti trattati.

Collegati all’archivio anche un canale Spotify dedicato alla musica popolare e il blog, dove convergono brevi pillole estratte da audiovisivi di media e lunga durata.

Si può anche contribuire attivamente ad implementare l’archivio, cliccando su “Iscriviti e partecipa” e scrivendo testi, suggerendo migliorie, segnalando errori, ma soprattutto condividendo materiali digitali, meglio se audiovisivi, per aggiungere nuovi tasselli alla memoria collettiva della Valle.

L’archivio Maraèa è un progetto del Distretto Culturale, che in questi giorni sulla pagina Facebook Valle Camonica Cultura ha promosso la campagna social #iorestoacasa. E faccio un giro nella memoria, con la condivisione quotidiana di pillole ed estratti di documenti in grado di raccontare storie di Camuni e comunità.

Share This