I fondi per portare entro il 2022 la cosiddetta “metropolitana leggera” da Brescia sul lago d’Iseo ci sono. A confermarlo è stato Enrico Bellavita, direttore generale di Ferrovie Nord, che ha garantito che i contributi per attuare gli interventi del caso rientrano nel Decreto Ministeriale 182 dell’aprile 2020 sulle “Ferrovie isolate”.

Portare la metropolitana leggera verso il Sebino vuol dire non solo treni veloci ogni mezz’ora ma anche e soprattutto l’eliminazione dei passaggi a livello. Ad Iseo ce ne sono due, quello di via Roma e quello di via Mier, da tempo al centro di polemiche per le code che creano quando si abbassano.

Un problema che va risolto e che per cui si stanno analizzando alcune soluzioni. L’Amministrazione passata aveva elaborato il progetto di un sottopasso, mentre quella attuale sembra essere più orientata verso un sovrappasso, sempre con le stesse funzioni. Ad ogni modo, la Regione prima convocherà i sindaci dei Comuni interessati dal progetto della metropolitana leggera: entro fine anno ad Iseo dovrebbe essere depositato il progetto definitivo.

Non sarà l’unica opera legata alle ferrovie ad Iseo: grazie al “Piano Marshall” per la ripresa, infatti, la Regione ha destinato diciotto milioni di euro ad interventi come il completamento della delimitazione della sede ferroviaria, l’adeguamento del deposito ed il rinnovo dell’armamento della rete.

Share This