(Nella foto il rendering del progetto)

A Iseo prosegue la raccolta firme per promuovere la costruzione del nuovo oratorio San Giovanni Bosco. L’ostacolo che ha spinto l’amministrazione a stoppare la progettazione dell’opera sarebbe l’adozione del nuovo Pgt, che ha posto regole più restrittive per l’area.

Un aggiornamento sull’iter del progetto è stato comunicato dalla stessa parrocchia in seguito all’incontro con il vicesindaco Cristian Quetti, nel corso del quale si è riscontrato un riavvicinamento delle posizioni rispetto a quanto emerso nell’ultimo consiglio comunale.

Secondo i referenti della parrocchia il progetto presentato è conforme alle regole urbanistiche vigenti e le difformità erano minime e risolvibili. Dopo la presentazione del progetto, lo scorso 25 maggio, però il consiglio comunale ha adottato un nuovo Pgt, nel quale le regole riguardanti la zona dell’oratorio sono diventate molto più restrittive per la realizzazione del nuovo oratorio.

“Siamo fiduciosi che, con la mediazione del sindaco, si possa trovare un accordo che consenta di portare avanti il progetto, studiato tanto a lungo e messo a punto anche con la Sovrintendenza”, comunica la parrocchia. La maggioranza di Iseo sicura, da parte sua, ha dichiarato nuovamente di non essere assolutamente contraria alla riqualificazione dell’oratorio.

Il progetto prevede la realizzazione di un edificio ex novo da realizzare sotto la scalinata, che non toccherà la vecchia struttura, donata alla parrocchia dai salesiani. Verranno realizzate otto aule per il catechismo e un salone polivalente di circa 300 posti per servire non solo la parrocchia di Iseo, ma anche l’unità pastorale che si sta creando.

Il progetto prevede un impegno economico di oltre 1,6 milioni di euro. La Conferenza episcopale italiana ha accordato un contributo a fondo perduto da 700mila euro destinato alle nuove edificazioni di culto, mentre per la restante somma la parrocchia si affiderà alla generosità degli iseani e contrarrà un mutuo.

Share This