Domenica mattina a Capriano del Colle l’Associazione italiana familiari vittime della strada ha sistemato in piazza 60 croci, che hanno rappresentato tutte le persone decedute nel 2017 sulle arterie stradali della provincia di Brescia.

Alcuni dei familiari delle vittime hanno raggiunto la piazza della cittadina della Bassa e, in silenzio, si sono sistemati vicino alle croci con le foto dei loro parenti.

In un contesto colmo di dolore, però, la speranza era rappresentata dai numeri in calo, se si pensa che nel 2004, anno di nascita dell’associazione, furono posizionate, in Piazza Loggia, 162 croci, mentre ieri erano 60.

Dopo l’importante introduzione del reato di omicidio stradale l’obiettivo, ha dichiarato il presidente della sezione bresciana Roberto Merli, è ora quello di rilanciare l’educazione stradale nelle scuole, ovvero fare in modo che venga applicato l’articolo 230 del codice della strada, che prevede l’inserimento dell’educazione stradale come materia curricolare obbligatoria in tutte le scuole.

La 15esima edizione della giornata del ricordo, nel 2019, si svolgerà a Edolo.

Share This