Il regista camuno Mauro Monella ieri ha presentato in Comunità montana il suo film “La baraonda. 3 Luglio 1944. La tragica estate”.

Si tratta di un lungometraggio indipendente – prodotto da Effetto Cinema e finanziato dall’Unione dei Comuni della Valsaviore e dalla Comunità Montana di Valle Camonica – che affronta la nascita e lo sviluppo della 54ª brigata Garibaldi, dall’8 settembre 1943 sino alla tragica estate successiva, con l’incendio per mano fascista dell’abitato di Cevo (il 3 luglio 1944).

Attraverso gli occhi dei due leader indiscussi della 54° Brigata Garibaldi, il siciliano Antonino Parisi ed il maestro cevese Bartolomeo Bazzana il film si addentra nei meccanismi della guerra civile che si scatena dopo l’8 Settembre.

Le scene sono tutte girate in Valsaviore, con un’incursione a Villa Gheza a Breno e a Bienno.

La colonna sonora del film è stata realizzata dalla Dtm production. Il cast ingloba elementi abituati a stare davanti e dietro alla telecamera (Tiziano Felappi ed Emanuele Cristaldi), attori professionisti (Giorgio Zanetti), attori teatrali (Marco Ghizzardi) e gente alla prima esperienza oltre ad un centinaio tra personaggi secondari e comparse che arricchiscono il valore umano e corale di quest’opera collettiva.

“La baraonda” sarà proiettato per la prima volta venerdì 9 marzo alle 20.30 al teatro Chalet Pineta a Cevo, mentre sabato 10 marzo, sempre alle 20.30, sarà al centro polifunzionale di Demo. L’obiettivo è di diffondere la pellicola nelle scuole, perché divenga testimonianza e documento per le giovani generazioni.

Share This