In questi giorni si è sentito parlare del Vescovo di Brescia in merito al richiamo che ha voluto fare a don Fabio Corazzina che ha celebrato la messa in tenuta da ciclista a Mazara del Vallo nel corso di “Per corri la Pace”. I due si sono chiariti e mons. Tremolada ha ribadito che la stima nei confronti di don Fabio rimane immutata da parte sua. Nel frattempo però il caso divenuto nazionale, soprattutto per l’eco dei social networks, mentre non si fermano i messaggi di solidarietà al parroco di Fiumicello.

Il Vescovo Pierantonio è ancora in convalescenza ed ha inviato un messaggio ai sacerdoti bresciani in occasione della giornata del clero, nel quale ha anche voluto ringraziare tutti “per l’affetto che mi avete dimostrato, soprattutto attraverso la preghiera. Sento di essere portato come su ali d’aquila, e ho la viva consapevolezza della forza della preghiera vostra e di tutta la diocesi. Il decorso è soddisfacente, il cammino è ancora lungo ma un importante tratto di strada è stato compiuto”.

Poco più di un mese fa era stato dimesso dall’Ospedale San Gerardo di Monza dopo essere stato sottoposto al delicato intervento di trapianto di midollo. Da allora si trova presso l’abitazione dei suoi familiari a Lissone. Secondo i medici che lo stanno seguendo sta proseguendo il percorso terapeutico previsto dopo il trapianto e si sta progressivamente riprendendo. Il midollo ha attecchito bene. Nelle prossime settimane dovrà continuare le terapie e gli stretti controlli in atto in regime di Day Hospital. Non ha avuto complicazioni ed è stata esclusa la possibilità di nuovi ricoveri.

Share This