Un numero che assume un significato speciale e particolare, quello di “Zeus! la tua rivista mutante” redatto periodicamente dalla Cooperativa Il Cardo di Edolo da 15 anni a questa parte.

L’edizione “quarantena” cambia modalità di presentazione e si affaccia al mondo delle dirette Facebook, tanto in voga in questi ultimi tempi, e soprattutto alla radio. Inizia infatti una speciale collaborazione con Radio Voce Camuna, che trasmetterà il reading di Zeus! nel programma domenicale Stremadès curato da Giacomino Ricci.

Per lanciare questo sodalizio e dare qualche anticipazione abbiamo contattato il direttore de Il Cardo Marco Milzani, che ha anche firmato l’editoriale dell’ultimo numero uscito in settimana.

L’intervista a Marco Milzani

Nonostante l’emergenza sanitaria e i noti problemi logistici, siete riusciti a raggiungerci anche stavolta

L’abbiamo voluto fare perchè lo vediamo un po’ come una rinascita. Il numero era già stato costruito, per la maggior parte prima che iniziassimo a indossare le mascherine – questo ormai è il nostro metro di paragone – e il fatto di continuare nonostante la crisi e a farlo in modo diverso è stata una sorta di rinascita. Anche il reading che c’è stato è stato interessante perchè per la prima volta abbiamo sfruttao questi mezzi. Di solito presentiamo il numero in piazza, in biblioteca, dove c’è comunque un pubblico. Questa esperienza è andata benissimo, i ragazzi si sono adattati perfettamente. Stiamo parlando di coloro che sono rimasti al Cardo nei servizi residenziali durante l’emergenza perchè i centri diurni sono ancora chiusi. Hanno imparato ad utilizzare le mascherine, sanno che non si può uscire… Con la presentazione della rivista hanno capito che era un modo per andare oltre.

Un numero che parla interamente di donne, ce lo dice anche il colore rosa delle pagine. Riflessioni particolari e temi forti che vanno a toccare i vari ambìti: dal femminismo, alla volenza ai femmincidi. Come siete risuciti in questo lavoro?

I nostri ospiti hanno delle idee che sembrano molto provocatorie , perchè pensate e dette da persone che hanno delle diasbilità, ma alcune volte ci troviamo anche delle riflessioni che appaiono stralunate ma che, riflettendoci, hanno un senso e una chiave di lettura. Tra i vari contenuti troverete in questo numero una articolo molto interessante secondo me “Chic”, che vede la possibilità che esistano uomo, donna e un nuovo genere che è, appunto, lo chic. Uno spunto che ci può far riflettere.

Dietro c’è un lavoro di squadra formato appunto dai vostri ospiti e da una redazione di educatori

Educatori più ospiti riescono a produrre non solo le parole ma anche la parte dell’illustrazione e grafica, sfruttata molto da chi non riesce ad esprimersi in altro modo.

Lo stile inconfondibile di Zeus pò raggiungere tutti. Come ci si può abbonare?

Trovate sul nostro sito Il Cardo le indicazioni per contattarci. L’abbonamento alla rivista ha la durata di un anno (6 uscite bimestrali) e costa 20 euro. La cosa importante è sostenerci: in questo momento difficile un picolo gesto permette di sostenere un prodotto interessante, che ha dietro un lavoro grafico ben visibile curato dalla nostra grafica Sara Rendina e dal caporedattore Riccardo Federici.

L’appuntamento da non perdere con la registrazione della presentazione della rivista fatta dalla speciale redazione di Zeus! è per domenica mattina, 24 maggio, sulle frequenze di Radio Voce Camuna.

Share This