Era stata una delle prime manifestazioni pubbliche ad essere annullata quando, nel marzo 2020, la pandemia iniziò a farsi sentire con tutta la sua forza anche da noi. Ora, la festa del Fratasì si candida ad essere il primo di una serie di eventi che potrebbero segnare la riapertura dopo due anni di stop alle feste, sagre ed occasioni di ritrovo.

Il Comune di Berzo Inferiore, valutata l’attuale situazione sanitaria e considerato il calo continui dei contagi, ha deciso di organizzare la classica festa del Fratasì, che cadrà il 3 marzo. Quel giorno in piazza torneranno le bancarelle e le strade saranno chiuse al traffico, non senza, però, le dovute accortezze: sarà infatti necessario esibire il Green Pass ed indossare la mascherina, anche all’aperto.

L’Amministrazione confida nel buon senso dei residenti e di chi si recherà a Berzo Inferiore affinché questa decisione possa maturarne altre simili da parte di altri Comuni. I festeggiamenti per il Beato Innocenzo da Berzo cominceranno a fine febbraio, con le celebrazioni religiose; la tradizionale fiaccolata, invece, è stata rimandata: gli organizzatori puntano a metterla in scena nel corso dell’anno, prima del 12 novembre, giorno in cui si chiuderà l’Anno Innocenziano, in corso per celebrare i 60 anni dalla beatificazione del Fratasì.

Share This