Samuele Alghisi, Presidente della Provincia di Brescia, ha ricevuto in serata la telefonata della Presidenza del Consiglio. Il numero uno del Broletto, all’indomani della visita del premier Conte a Brescia, non aveva nascosto la delusione per non essere stato invitato all’incontro per rappresentare l’ente Provincia e in particolare i 205 Comuni che ne fanno parte.

“E’ mancata la possibilità di dare voce ai Comuni che la Provincia rappresenta e ai territori che nella periferia hanno pagato il prezzo più alto in termini di vittime e contagi” aveva scritto in una nota nel pomeriggio di ieri, parlando di una scelta che aveva mancato di rispetto per il territorio bresciano.

Poi il chiarimento tra Roma e il Broletto: “In serata ho ricevuto l’apprezzata telefonata” ha annunciato nelle scorse ore Alghisi “Il Presidente Conte, tramite il suo Capo di Gabinetto, mi ha fatto sapere di essere dispiaciuto per l’equivoco, creatosi esclusivamente a causa dell’estemporaneità della visita, che non ha avuto il tempo necessario per seguire i protocolli cerimoniali”

Il presidente prosegue: “Ho chiarito che il mio disappunto non era politico, ma a difesa del ruolo dei sindaci e del nostro territorio, gravemente colpito dall’epidemia. Ho avuto inoltre  la conferma, già testimoniata dal proficuo dialogo in corso tra Governo e UPI, che il premier Conte ha a cuore il futuro delle Province, le quali, come ribadito anche nel corso della telefonata, saranno oggetto di un’importante azione di rilancio”.

Share This