In vetta alla classifica Rifiuti Free della Regione Lombardia si collocano: le province di Bergamo con 57 comuni e di Mantova e Brescia, entrambe con 49 comuni. Si tratta di quelli che, oltre a raggiungere il 65% di differenziata, hanno raggiunto il traguardo dei 75 kg/abitante anno di residuo secco indifferenziato e che entrano nella classifica “Comuni Ricicloni 2020”. La graduatoria è realizzata da Legambiente regionale su dati forniti dall’Osservatorio rifiuti Arpa Lombardia.

Rispetto al 2019 nella nostra provincia sono ben dieci in più i Comuni in classifica, di cui due della Vallecamonica: Gianico, che, oltre ad essere una new entry, scalza tutti e si piazza al primo posto con l’86%, e Paisco Loveno (81,8%). Dopo Gianico tra i camuni troviamo il “pioniere” Malegno con l’83,4%, Losine con l’82,2% e (dopo Paisco) Ossimo (80,6%) e Ono San Pietro (79,7%). Il vicino comune bergamasco Rogno eccelle superando il 90% di raccolta.

I sindaci della valle, che nel complesso hanno ottenuto risultati soddisfacenti, ribadiscono l’importanza della raccolta differenziata: una pratica che comporta impegno e attenzione, ma che dà risultati a lungo termine per l’ambiente, oltre che costare meno ai cittadini e ai municipi in termini economici. Purtroppo, e nonostante tutte le campagne di sensibilizzazione c’è ancora, da nord a sud della nostra bella Valle, chi ha il coraggio di abbandonare i rifiuti per i paesi, depositarli nei cestini pubblici, o creare delle piccole discariche in mezzo alla natura. Da più parti sono piovute sanzioni ai furbetti, anche grazie alle immagini girate dalle telecamere di videosorveglianza posizionate nei paesi.

Share This