Dopo un 2020 trascorso “sottotono”, senza Adunata Nazionale, senza Pellegrinaggio in Adamello e senza feste a causa della pandemia, i 67 gruppi alpini della sezione Ana di Vallecamonica guardano con speranza e trepidazione al 2021. Covid permettendo, è tutto pronto infatti per celebrare il centenario della fondazione della sezione camuna. I primi detagli organzzativi parlano dell’ultimo fine settimana di luglio e di Breno e Valle Adamè come locations.

Il paese della media Valle, dove di fatto nacque la sezione dopo la Prima Guerra Mondiale, ospiterà la cerimonia della domenica mattina, con la sfilata fino in Piazza Generale Ronchi, che fu uno dei padri fondatori dell’Ana di Vallecamonica nel 1921 (qui la storia della sezione), mentre quella in quota del sabato si terrà in Valle Adamè, ricca di storia e di spunti per fare memoria.

Il programma va definito per tempo, per organizzare tutto al meglio: il presidente Mario Sala, aiutato dal direttore del giornalino locale degli alpini Nicola Stivala e dai due ex presidenti della sezione, Giacomo Cappellini e Ferruccio Minelli, ha pensato di pubblicare un’edizione speciale di “Noi dè la Valcamonica” dedicata al centenario, e per farlo ha già lanciato un appello a chi possiede materiale, per ricostruire, con immagini e racconti, la storia delle penne nere camune lunga un secolo.

Share This