Sei tappe in sette giorni: è il bilancio del viaggio effettuato lungo la Vallecamonica da Giò Del Bianco, travel blogger bresciano che, dal 31 agosto al 5 settembre scorsi, ha percorso sei delle otto tappe della via Valeriana, un cammino reso possibile grazie all’organizzazione del Consorzio Dmo di Vallecamonica.

L’obiettivo era far conoscere le bellezze del territorio a più persone possibili, tramite lo sguardo di Giò Del Bianco e le sue pagine social, che vantano oltre 11mila follower su Facebook, quasi 5mila su Instagram ed oltre 2mila iscritti al suo canale Youtube. Durante il suo viaggio, Giò ha così visitato alcuni dei luoghi più famosi della Vallecamonica, come le Terme di Boario, il Parco del Teatro e l’Anfiteatro di Cividate Camuno, il Santuario di Minerva a Breno, la Via Crucis di Cerveno, il Centro 3T di Sellero, il Musil di Cedegolo e la panchina gigante di Mù di Edolo.

Grazie a Turismo Valle Camonica per il supporto e per aver reso questo viaggio possibile.Grazie a Antonio ed Andrea del…

Pubblicato da I viaggi di Giò Del Bianco su Domenica 6 settembre 2020

La missione può dirsi riuscita: numerose le persone che, incuriosite ed affascinate dai luoghi, hanno commentato i post del travel blogger e chiesto maggiori informazioni sui luoghi da lui visitati. “Questo cammino è stato un viaggio inaspettato”, ha commentato Giò a termine del suo viaggio, “la Vallecamonica mi ha insegnato che spesso ci sono mondi magici proprio vicino a casa, e che abbiamo la responsabilità di valorizzarli e di comunicarli, per non far sì che si perdano nella routine quotidiana, nelle bollette da pagare o nelle ore passate al computer. La Vallecamonica chiama a scoprire le nostre origini, è una terra di passaggio e di viaggio, visitarla non è solo attraversarla, ma anche viverla metro per metro”.

Soddisfazione anche da parte di Alberto Ficarra, presidente del Consorzio Dmo: “è stata un’ottima opportunità per far conoscere il nostro territorio ed i nostri produttori locali”, ha detto, “inaugurando un’esperienza di rete fra ristoratori, albergatori e tutti gli attori coinvolti e –visti i buoni risultati– contiamo di continuare su questa linea”. Una collaborazione che potrebbe continuare in futuro, magari con un “viaggio” di Giò Del Bianco sulle piste da sci camune.

Share This