Sono stati alcuni pescatori, tramite una segnalazione, a permettere alle guardie volontarie della Provincia di Brescia di sequestrare delle reti da pesca irregolari sul lago d’Iseo, in località Barro, per un totale di 300 metri, nella notte tra domenica e lunedì.

 

Sequestrato anche più di un quintale di pescato, frutto dell’attività illegale. La segnalazione ha permesso agli agenti di arrivare sul posto, liberare dalle reti i pesci ancora vivi e sequestrare cinque trappole, anch’esse irregolari. Un’operazione, questa, che si aggiunge alle numerose altre effettuate dalla Polizia provinciale, sempre più supportata dalle segnalazioni dei privati, e decisa a sgominare quella che ormai sembra certo essere una vera e propria organizzazione dedita alla pesca di frodo.

Share This